COLPO DI CALORE, SOLE, INSOLAZIONE

Oggi parliamo di...


Il colpo di calore (sole, e insolazione) è una situazione patologica che deriva da una prolungata esposizione del corpo ai raggi solari.

Nella maggior parte dei casi, l'insolazione si verifica durante le giornate particolarmente calde del periodo estivo.


Il colpo di sole rappresenta una situazione di pericolo per l'organismo e, come tale, non deve essere sottovalutata.

In generale, è valido il consiglio di stare attenti al sole nelle ore centrali della giornata (11-16), evitando del tutto l'esposizione quando le giornate sono molto calde, soprattutto se l'umidità relativa è alta e la ventilazione è assente (cioè in presenza di afa)


L'insolazione può accadere anche in montagna dove le temperature sono più basse, ma l'irradiazione del sole è intensa. Nell'aggravare l'insolazione possono concorrere una protezione inadeguata (ombrellone in spiaggia, cappello con falda, crema solare ecc.) e la disidratazione.


Insolazione: per chi è più pericolosa?

Il colpo di sole può interessare tutte le fasce d'età, ma è può diventare davvero molto pericolosa per bambini e anziani.

Il colpo di sole può associarsi a scottature sulla pelle o sul capo.

Con il caldo, aumenta anche il rischio di disidratazione.


come si manifesta?

Il colpo di sole rappresenta un pericolo per l'organismo e, come tale, non deve essere sottovalutato.

I sintomi più comuni dell'insolazione sono:

• Irrequietezza (agitazione e pianto inconsolabile nei bambini)

• Spossatezza e sensazione di malessere generale

• debolezza

• abbassamento pressione

• Pelle calda al tatto;

• Forte mal di testa (spesso localizzato alla fronte), dolore alla nuca;

• Aumento della sudorazione, sete intensa;

• Vertigini.

Nei casi più seri del colpo di sole, possono comparire:

• Eritema diffuso alle parti esposte al sole, con formazione di bolle, prurito e senso di bruciore sulla pelle;

• Occhi arrossati, lacrimazione abbondante e fastidio alla luce;

• Nausea e vomito;

• crampi, perdita di lucidità, stato confusionale e perdita di coscienza

• Febbre e brividi;

• Convulsioni

• coma


La durata dell'insolazione è variabile.

Se il colpo di sole è trattato tempestivamente: alcuni sintomi possono scomparire entro poche ore (come mal di testa, vertigini, febbre e brividi), altri possono protrarsi per giorni, come le scottature o l'eritema solare.


Che cosa fare subito

Quando si avvertono i primi segnali di malessere, è opportuno allontanarsi dal sole e ripararsi in un luogo fresco, riparato e ben arieggiato per abbassare la temperatura corporea, lasciarlo sdraiato e fare spugnature con acqua fresca, non gelata

• Attenzione! Non rimanere sotto l'ombrellone, poiché i raggi solari filtrano lo stesso e la temperatura rimane comunque elevata.

Per contrastare la disidratazione, bere piccoli sorsi d'acqua e bagnare la testa con un panno umido. Per raffreddare il corpo, spruzzare dell'acqua a temperatura ambiente o tamponare con teli umidi i polsi, i lati del collo, l'inguine, le ascelle e le tempie.

• Attenzione! L'acqua utilizzata per raffreddare il corpo deve essere tiepida e non ghiacciata per non causare vasocostrizione e impedire la dispersione di calore.

Sdraiarsi con le gambe sollevate rispetto al resto del corpo per favorire la circolazione di ritorno dalle zone periferiche del corpo verso il cuore (in caso di perdita di coscienza o nausea meglio la posizione laterale di sicurezza)

• Attenzione! Se non s'interviene subito, il colpo di sole può condurre alla perdita di coscienza, fino alle convulsioni e all'alterata funzionalità dell'apparato cardiocircolatorio.

chiamare tempestivamente i soccorsi se i sintomi sono importanti


Prevenzione

Colpo di sole: i consigli per prevenirlo

In generale, nelle ore più calde della giornata, per evitare un colpo di sole:

• È bene non rimanere esposti troppo al sole;

• Soggiornare in luoghi freschi e con ventilazione adeguata (se necessario, rinfrescare gli ambienti con ventilatori o condizionatori);

• Indossare abiti leggeri e di colore chiaro, realizzati con fibre naturali (lino e cotone) che non ostacolino la traspirazione;

• Abbassare la temperatura corporea con bagni e docce tiepide, non fredde.

• Riparare la testa con un cappello dotato di visiera e occhiali da sole;

• Bere frequentemente durante la giornata, almeno due litri di acqua in totale (sotto i 6 mesi solo latte a richiesta);

• Consumare cibi ricchi di acqua, come la frutta di stagione e la verdura fresca;

• Non assumere alcolici, cibi o bevande molto fredde;

• Mantenere fronte e polsi freschi, bagnandoli frequentemente con acqua fresca;

• Non compiere sforzi fisici particolarmente intensi;

• Esporre la pelle al sole progressivamente, stando attenti alle ore centrali del giorno (11-16) proteggendola con creme solari e ripetendo l'applicazione ogni due ore circa

24 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti